Rocco Scotellaro
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra" Tricarico
::home ::sede ::il centro ::Rocco Scotellaro ::organi ::progetto ::regolamento ::contatti




MOSTRE di PITTURA

Gerardo Corrado biografia

Rocco Falciano biografia

Mauro Masi biografia

Michele Santangelo biografia


Collettiva di pittura «Omaggio a Scotellaro»
Nel cinquantenario della morte. Opere di Rocco Falciano, Mauro Masi, Gerardo Corrado, Michele Santangelo
- Tricarico, Palazzo Ducale, 7-23 maggio 2004
- Matera, Biblioteca Provinciale "Tommaso Stigliani", 1-10 dicembre 2004
- Potenza, Museo Provinciale, 15-dicembre 2004-27 gennaio 2005


Collettiva allestita in occasione del convegno di studio su «Scotellaro scrittore. Storicità e attualità di un'esperienza» per il cinquantenario della morte del poeta di Tricarico (Tricarico, 7, 8, 9 maggio 2004).
Testimonia, se pur relativamente ad un gruppo di artisti, il forte legame della produzione pittorica lucana del secondo Novecento con l'esperienza letteraria e politica di Scotellaro, come pure i riflessi dell'impatto emotivo e coscienziale delle opere di Carlo Levi sull'arte figurativa regionale. Emerge un lessico familiare comune tra poesia e pittura, fatto di «affetti e di sentimenti del microcosmo lucano», ai quali, come scrive Gerardo Corrado curatore della mostra, Scotellaro come Sinisgalli avevano dato voce e contenuto poetico per la prima volta. É noto, del resto, l'interesse di Rocco Scotellaro nei riguardi delle arti figurative, soprattutto dell’esperienza neorealista del cinema italiano come dimostrano la stesura di alcuni soggetti cinematografici e le relazioni intessute con i maggiori registi del tempo. Egli seguì anche con interesse i percorsi artistici dei pittori della sua terra, che operavano tra Roma, Napoli, Potenza e Matera, come Mauro Masi di cui fu compagno di liceo, Maria Padula, Giuseppe Antonello Leone e Luigi Guerricchio, con i quali strinse un sodalizio fatto di fraterna amicizia e di impegno intellettuale.

Napoli, 21 giugno 1953, terrazza di San Martino.
Rocco SCotellaro con Mimma Trucco, Luigi Guerricchio con amici e suoi parenti




Montemurro (Pz) 1948.
Da sinistra: Mimì Bonelli, Giorgia de Cousandier, Rocco Scotellaro, Maria Padula, Filippo Borra, Leonardo Sinisgalli, Giuseppe Antonello Leone




Lo stesso Scotellaro, del resto, si cimentava spesso in disegni



Centro di documentazione Rocco Scotellaro
TRICARICO (MT)
info@centrodocumentazionescotellaro.org

All right reserved © Prodel


Omaggio Pagnotta