Rocco Scotellaro
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra" Tricarico
::home ::sede ::il centro ::Rocco Scotellaro ::organi ::progetto ::regolamento ::contatti




PRESENTAZIONE LIBRI

Presentazione del libro
Domenico Langerano
Dizionario del dialetto tricaricese con annotazioni
etimologiche, etno-antropologiche e microstorie
Prefazione di Patrizia Del Puente
RCE Multimedia, 2012

 

 

Introduzione
Carmela Biscaglia
Direttore Centro documentazione

Intervento di saluto
Rocco Stasi
Vice presidente Pro Loco

Presentazione del libro
Patrizia Del Puente
Università degli Studi
della Basilicata

Intervista all’Autore
condotta da
Celeste Rago
Giornalista RAI Basilicata

Tricarico, 14 agosto 2012,
ore 18,30
Centro documentazione

 

 

L’incontro, promosso dal Centro in collaborazione con la Pro Loco di Tricarico, ha inteso presentare una pubblicazione unica nel suo genere per Tricarico, se si eccettuano i tentativi che furono condotti attorno agli anni Cinquanta da Giovanni Daraio e pubblicati nella sua Per la storia di Civita di Tricarico e di Calle, ma che riguardarono solo le voci dialettali di origine greca, a sua volta desunte dal Racioppi. Il Dizionario raccoglie i risultati di una lunga ricerca condotta da Domenico Langerano sui termini dialettali di Tricarico, che trova il suo fondamento – ha commentato il direttore del Centro – nell’amore che Domenico architetto nutre verso Tricarico e, di conseguenza, nell’amore che Domenico cittadino di Tricarico nutre verso quell’umanità che in questa antichissima città del Mediterraneo è vissuta e vive con tutto il suo portato di tensioni, aspirazioni, contrasti, aspettative, problemi, ricchezza culturale e spirituale, tradizioni di multietnicità (arabo-musulmane, ebraiche, albanesi, spagnole, ecc.) e quant’altro trova poi il suo riscontro nella ricchezza del suo dialetto. E non penso di aver interpretato male l’animo di Domenico, – ha concluso Carmela Biscaglia – dal momento che egli stesso ha inserito come citazione di corona al suo libro, la nota espressione di Pier Paolo Pasolini «Io sono una forza del passato. Solo nella tradizione è il mio amore», facendola seguire dal detto sciamanico messicano «Conoscere significa trovare un sentiero che abbia un cuore».

        
Rocco Stasi; Patrizia Del Puente
(foto Saverio Liuzzi)

Nel merito del volume, contestualizzato nel più vasto quadro degli studi scientifici condotti sui dialetti lucani, si è soffermata Patrizia Del Puente, docente di Glottologia e Linguistica all’Università degli Studi della Basilicata. Specializzata in dialetti albanesi dell'Italia meridionale presso l'Università di Monaco di Baviera e in dinamiche dell'interferenza tra lingue presso le Università di Udine e di Pisa, la studiosa, vincitrice nel 1991 del concorso di ricercatore presso il Centro Nazionale di Dialettologia del CNR, è diventata responsabile delle linee di ricerca nazionali sui dialetti dell'Italia meridionale. Ideatrice e coordinatrice del progetto A.L.Ba., finalizzato alla salvaguardia dei dialetti lucani, nel 2010 ha pubblicato per le Edizioni Calice l’Atlante linguistico della Basilicata. «La Basilicata è un laboratorio naturale per gli studi linguistici, ha spiegato la relatrice, e la ricchezza di questo patrimonio risulta evidente».

      
Carmela Biscaglia, Domenico Langerano, Celeste Rago
(foto Saverio Liuzzi)

«Già Gerard Rohlfs negli anni Trenta scriveva che, nel percorrere in treno la Basilicata, si aveva la netta sensazione che da un paese ad un altro si parlassero lingue diverse. E di fatto è così – ha proseguito la Del Puente – Siamo di fronte a un territorio che presenta colonie allogene galloitaliche, colonie alloglotte albanesi e una miriade di dialetti con peculiarità specifiche, che costituiscono una ricchezza culturale immensa. È giusto e anche utile, pertanto, che gli stessi lucani, compreso quelli non “addetti ai lavori”, ritengano di dover contribuire a tramandare il proprio patrimonio linguistico. Tra questi Domenico Langerano, che si è cimentato in un lavoro faticoso e ampio, come quello di scrivere un vocabolario del dialetto di Tricarico».
La seconda parte dell’incontro è stata dedicata ad un’intervista all’autore condotta dalla giornalista della Rai Basilicata Celeste Rago, che ha permesso tra l’altro di incuriosire il vasto pubblico presente alla serata sull’etimologia di alcuni termini e soprannomi locali.

 


Centro di documentazione Rocco Scotellaro
TRICARICO (MT)
info@centrodocumentazionescotellaro.org

All right reserved © Prodel


Omaggio Pagnotta