Rocco Scotellaro
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra" Tricarico
::home ::sede ::il centro ::Rocco Scotellaro ::organi ::progetto ::regolamento ::contatti




MOSTRE DI SCULTURE
 

Esposizione della scultura in cartapesta
“Contadini che ballano. 1970” di Vittorio Basaglia

Tricarico, Palazzo Lizzadri, 1-31 agosto 2011
 

 

 

 

     

VITTORIO BASAGLIA
(Venezia, 1936- Valeriano di Pinzano del Friuli - Udine, 2005)
Contadini che ballano, 1970
Opera realizzata insieme al cartapestaio Nicoletti di Matera

Vittorio Basaglia, pittore, scultore e incisore, grande artista nel panorama dell’arte italiana contemporanea. Nato a Venezia nel 1936, formatosi all'accademia di Belle Arti di Brera sotto la guida di Marino Marini, ha insegnato all'accademia di Belle Arti di Urbino e di Venezia. Ha preso parte a importanti manifestazioni d’arte, tra cui la Quadriennale di Roma, la Biennale di Parigi e l’XI Biennale di Alessandria d’Egitto. Molte delle sue opere si trovano in vari musei italiani e stranieri. Nel 1994 la Galleria Internazionale d'Arte Moderna Cà Pesaro di Venezia gli ha dedicato una grande mostra antologica. Cugino di Franco Basaglia, che negli anni Settanta promosse la legge di chiusura dei manicomi, nel 1973 realizzò a Trieste il “Marco Cavallo”, una statua divenuta simbolo della fine dell'isolamento dei malati di mente. Visse lungamente a Matera, dove ha lasciato alcune opere di grande rilievo, tra cui i bronzi collocati davanti al municipio della città. Era giunto in Basilicata al seguito del “Politecnico”, un gruppo di urbanisti, che a fine anni Sessanta redassero il Piano regolatore di Tricarico e poi quello di Matera. Del gruppo faceva parte anche il fotografo Mario Cresci e l’architetto veneziano Ferruccio Orioli, al quale si deve il progetto dell’attuale municipio di Tricarico. Il gruppo era coordinato da Aldo Musacchio, che è colui che ha donato al Comune di Tricarico sia la scultura in cartapesta “Contadini che ballano” di Vittorio Basaglia, che un consistente fondo librario (“Fondo Musacchio”), custodito nella Biblioteca del Centro di documentazione.

L’esposizione della cartapesta di Vittorio Basaglia è avvenuta in occasione del suo restauro, fatto eseguire dal Centro di documentazione, nella cui sede l’opera è custodita. (foto V. Sacco)

 

 

 

 

 

 
 

Centro di documentazione Rocco Scotellaro
TRICARICO (MT)
info@centrodocumentazionescotellaro.org

All right reserved © Prodel


Omaggio Pagnotta