Rocco Scotellaro
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra" Tricarico
::home ::sede ::il centro ::Rocco Scotellaro ::organi ::progetto ::regolamento ::contatti




SEMINARI
 
Seminario sul tema:
“Comunità di Basilicata nel ‘900: fotografie, documentari, studi”
 

 

Intervento di saluto:
RAFFAELLO MARSILIO, sindaco di Tricarico

Introduzione
:
CARMELA BISCAGLIA, vice direttore del Centro

Intervento:
Luigi Za (Università degli Studi di Lecce) su “Le comunità della Basilicata nel secondo dopoguerra:aspetti socio-economico-politici”.

TRICARICO, venerdì 22 luglio 2008
ore 19.00

Centro Documentazione “R. Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra”

L’intervento di Luigi Za, studioso di programmazione dello sviluppo nel Sud Italia, su cui ha pubblicato, tra l’altro, il volume Comunità, memoria, sviluppo. Ricerche di comunità. Intervento culturale. Progetti di sviluppo nell’Italia meridionale (Lecce 2001), ha rivisitato quell’insieme di ricerche storiche, economiche, sociali, antropologiche, condotte per la prima volta su vari centri del Mezzogiorno a partire dagli anni ’50 del XX secolo. Si tratta di indagini proseguite nei decenni successivi nel tentativo di dare una risposta ai problemi delle comunità ed avviarne la modernizzazione e lo sviluppo. Per la Basilicata esse sono legate alla denuncia di estremo disagio che pervenne dalla pubblicazione del Cristo si è fermato a Eboli, e a studiosi nordamericani come George Peck e Friedrich G. Friedmann, - solo per ricordare i primi – che, attraverso intense forme di collaborazioni con Rocco Scotellaro e Rocco Mazzarone, condussero indagini sociologiche e antropologico-culturali – Peck a Tricarico, Friedmann a Matera − sul mondo contadino. Essi applicarono tecniche e metodologie proprie degli “studi di comunità”, già utilizzate negli Stati Uniti e stimolate dalle politiche statunitensi di aiuto all'Europa, che esigevano piani di sviluppo per le aree arretrate conformi ai sistemi socio-culturali locali. Dall’incontro di Friedmann con Adriano Olivetti, che nel contempo aveva diffuso in Basilicata il “Movimento di Comunità”, e dalla collaborazione con altri studiosi, sarebbe scaturita la più nota delle ricerche di comunità, quella sulla città e sull’agro di Matera (1951). Altre indagini vennero condotte da Manlio Rossi-Doria e dalla Scuola di Porticii, altre da Edward C Banfield e Ann Cornelisen.  

 

 

Centro di documentazione Rocco Scotellaro
TRICARICO (MT)
info@centrodocumentazionescotellaro.org

All right reserved © Prodel


Omaggio Pagnotta