Rocco Scotellaro
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
"Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra" Tricarico
::home ::sede ::il centro ::Rocco Scotellaro ::organi ::progetto ::regolamento ::contatti




“ROCCO SCOTELLARO (Tricarico, 1923 – Portici, 1953)”
Mostra documentaria

 

Tricarico, Castello normanno

 

 

La mostra documentaria è stata allestita nel 2013 in modo permanente nei saloni del castello normanno di Tricarico a ricordo dei 60 anni dalla morte e dei 90 dalla nascita di Rocco Scotellaro

Le fotografie e i documenti esposti in questa sala, inaugurata il 27 luglio 2013, si propongono di illustrare la vita e le opere di Rocco Scotellaro nei suoi momenti più significativi e attraverso immagini poco note o inedite. Esse provengono da un più ampio lavoro di recupero di fonti iconografiche condotto dal Centro di documentazione “Rocco Scotellaro e la Basilicata del secondo dopoguerra” e da donazioni pervenute al Comune di Tricarico e al Centro stesso da parte di privati. In particolare, alcune di queste immagini sono state donate da parenti del poeta: la cugina Maria Carmela Scotellaro, il nipote Rocco Vincenzo Scotellaro e Vito Sacco. Altre sono state messe a disposizione da amici di Scotellaro: il prof. Gilberto Antonio Marselli, l’artista Giuseppe Antonello Leone e l’ing. Pancrazio Cataldo, che fu compagno di studi di Scotellaro al Liceo-Ginnasio “Quinto Orazio Flacco” di Potenza. Altre provengono dall’archivio privato del dott. Rocco Mazzarone e sono state gentilmente concesse dalle sue sorelle Teresa e Filomena. Altre ancora sono state donate da Domenico Notarangelo e dall’artista Franco Di Pede di Matera, alcune sono state riprodotte da pubblicazioni e restaurate da Vito Sacco e Antonio Salvia. Questa rassegna di immagini non è certamente esaustiva delle numerosissime foto di Scotellaro, pubblicate nel corso degli anni su periodici e volumi e, di recente, su Facebook. È tuttavia una selezione ragionata e messa a disposizione del vasto pubblico e dei tanti estimatori del poeta.
.

Rocco Scotellaro tra i frati
e i convittori del Convento Serafico di Sicignano degli Alburni, 20 maggio 1935

   

Rocco Scotellaro
con la sorella Serafina, 1938

 

Rocco Scotellaro, istitutore al Regio Convitto Nazionale di Tivoli,
30 settembre 1942

 

Rocco Scotellaro, Rocco Mazzarone e la sua fidanzata Tina Rimassa,
Potenza 1943

Richiesta di iscrizione
al Partito Socialista Italiano,
4 dicembre 1943

 

Scritto di Rocco Scotellaro per «L’Avanti» dellí1 maggio 1944

Rocco Scotellaro partecipa al Congresso nazionale del PSI, svoltosi a Firenze nei giorni 11-17 aprile 1946

 

Il sindaco di Tricarico, Rocco Scotellaro con il direttore didattico don Giuseppe Uricchio, una guardia municipale ed altri, Tricarico 1947

 

Il sindaco Rocco Scotellaro appoggiato ai “ferri” di piazza Garibaldi a Tricarico, 1947

Il sindaco di Tricarico, Rocco Scotellaro, con alcuni contadini, Tricarico, via duomo, 1947

Comizio di Rocco Scotellaro per le elezioni comunali del 28 novembre 1948, Tricarico, piazza Garibaldi, Cappella di S. Pancrazio

 

Elezioni comunali di Tricarico
del 28 novembre 1948,
Lista “Votate per l’aratro”

Rocco Scotellaro tiene un comizio per le comunali del 28 novembre 1948, Tricarico, piazza Garibaldi, Cappella di S. Pancrazio

 

Rocco Scotellaro e Umberto Lauria, Tivoli, 1949

Lettera di Rocco Scotellaro a Giuseppe Antonello Leone,
Tricarico, 8 agosto 1949

 

(da sinistra) Leonardo Sinisgalli, Rocco Scotellaro, Giuseppe Antonello Leone, sua moglie Maria Padula seduta con i loro figli, la baronessa Giorgia De Cousandier col figlio Filippo, Montemurro (Pz),
agosto 1949

Il sindaco Rocco Scotellaro assiste alla posa della prima pietra per la costruzione dell’edificio scolastico di viale Regina Margherita alla presenza di mons. Raffaello delle Nocche, vescovo di Tricarico e dell’on. Emilio Colombo, sottosegretario di Stato per l’Agricoltura e Foreste,
Tricarico, 13 novembre 1949

 

(da sinistra) Giuseppe Antonello Leone e sua moglie Maria Padula con i loro figli Giuliano e Silvio, George Peck con la figlia Anna, Rocco Scotellaro e Donato Romanella, Montemurro, [1950]

 

Rocco Scotellaro, Adriano Olivetti e l’on. Emilio Colombo,
Matera, maggio 1950

(da sinistra) Rocco Scotellaro, Mimma Trucco, Umberto Facca, Annie Rossi-Doria, Fedele Aiello, Rita Ruff, Pino Barbero, Carlo Cupo, Manlio Rossi-Doria, Gilberto Antonio Marselli, Napoli, Ristorante “La Bersagliera”, primavera 1952

 

Rocco Scotellaro a Melissa durante il viaggio compiuto con Carlo Levi nel dicembre 1952

      

Rocco Scotellaro e Mimma Trucco insieme a Celeste Benevento e Pancrazio Cataldo a cena nel ristorante “Zi’ Teresa”,
Napoli, 16 giugno 1953

 

Le opere:

È fatto giorno
L’uva puttenella
Contadini del Sud

Atto di morte di Rocco Scotellaro, Portici, Palazzo Bonelli,
via Università,
15 dicembre 1953, ore 20.15

 

Targa commemorativa apposta nel 1993 dal Comune di Portici sul portone
del Palazzo Bonelli,
dove Rocco Scotellaro morì

Rocco Scotellaro sul letto di morte, Portici, 16 dicembre 1952

Funerale di Rocco Scotellaro: Il corteo funebre col gonfalone del Comune di Tricarico all’uscita da piazza Garibaldi,
Tricarico, 17 dicembre 1953

 

Funerale di Rocco Scotellaro:
Il corteo funebre
lungo viale Regina Margherita,
Tricarico, 17 dicembre 1953

Funerale di Rocco Scotellaro:
La bara portata a spalla
dai compagni socialisti,
Tricarico, 17 dicembre 1953

 

Monumento funebre a Rocco Scotellaro nel cimitero di Tricarico,
opera degli architetti del Gruppo
BBPR: Gian Luigi Banfi, Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Enrico Peressutti ed Ernesto Nathan Rogers, 1955

 
 

Centro di documentazione Rocco Scotellaro
Ex convento S. Francesco
L.go San Francesco - 75019 TRICARICO (MT)
info@centrodocumentazionescotellaro.org

All right reserved © Prodel


Omaggio Pagnotta